Porchetta e dintorni

L'antica arte del panino di strada.

...Tutti i lunedì da Ariccia.

Nei dintorni di Roma si trova un comune famoso il suo pane morbido e consistente: si tratta di Lariano. Il pane che si sforna a Lariano è ottenuto con semola di grano tenero semi-integrale. Dopoe una doppia lievitazione, viene tradizionalmente cotto in forni a mattoni refrattari alimentati da fascetti di legno di castagno.

Non c'è modo migliore di onorare questo pane scuro laziale che tagliarne due fette abbastanza spesse e farcirle con un bel po' di porchetta di Ariccia ancora calda, grossolanamente tagliata a mano e rigorosamente unita a parte della sua croccante cotenna.

Solo carne suina cotta a fuoco lento e farcitura di aglio, rosmarino e pepe. Si può aggiungere anche un po' di provola, melanzane grigliate o fritte o peperoni spruzzati con aceto balsamico.

Alt Text

Da noi arriva 'fresca fresca' (o 'calda calda') direttamente da Ariccia tutti i lunedì.

Anche da sola è un cibo delizioso che non puoi non accompagnare a un buon calice di vino. Chi ama un bianco fresco, può provare l'accostamento con il Frascati Superiore, sufficientemente secco da controbilanciare l'unto della parte grassa. Per gli amanti del rosso, invece, un vino fermo e morbido come il Cerveteri Rosso secco o il Cesanese del Piglio (o di Olevano Romano) farà emergere la sapidità della parte magra senza esaltare troppo la sua componente speziata.


0 Comments: